La Farmacia in supporto alle donne vittime di violenza

iorestoacasa non è stato per molte donne un invito rassicurante: durante la fase di

#iorestoacasa non è stato per molte donne un invito rassicurante: durante la fase di lockdown, a causa della forte limitazione degli spostamenti dalla propria abitazione, si è registrato un aumento dei casi di violenza domestica e di stalking nei confronti delle donne e la casa, che dovrebbe essere il posto più sicuro al mondo, è risultata essere, per molte, un luogo di pericolo e di paura.

Consapevole di questo, la Federazione degli Ordini dei Farmacisti ha firmato un Protocollo d’intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità, Federfarma e Assofarm al fine di sensibilizzare i cittadini e potenziare l’informazione anti- violenza ed anti-stalking.

La farmacia, da sempre luogo di accoglienza e supporto, si fa portatrice di un messaggio di speranza affinché nessuna donna venga lasciata sola.
Le donne vittime di violenza possono richiedere esplicitamente al farmacista informazioni necessarie per chiedere aiuto alla rete dei centri antiviolenza senza il bisogno di utilizzare alcun messaggio in codice.
Il farmacista indicherà la possibilità di contattare il numero verde anti-violenza ed anti- stalking 1522, istituito dal Dipartimento delle Pari Opportunità. Quest’ultimo è gratuito, attivo 24 ore su 24 in tutti i giorni dell’anno, disponibile in diverse lingue ed anche in versione App per smartphone.



Il farmacista fornirà, inoltre, alla richiedente aiuto un volantino con dei consigli pratici per affrontare eventuali emergenze. Il medesimo volantino sarà altresì affisso nelle farmacie. I farmacisti, con passione ed impegno, sono ancora una volta durante questa pandemia uno dei primi punti di riferimento per i pazienti – clienti bisognosi di consigli, supporto emotivo, aiuto.
Mai come in questo periodo tetro e spaventoso per il mondo intero bisogna far sentire la propria voce e denunciare i fenomeni di violenza domestica, mai nessuno si deve sentire abbandonato.

Dott.ssa Claudia Agrimi, Farmacista.


Condividilo sui social