Luigi Di Maio al fianco del candidato sindaco Marco Ruggiero

Questa mattina il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio è approdato a San Vito dei Normanni per sostenere la candidatura a sindaco di Marco Ruggiero.

Al loro fianco, la candidata alla presidenza della Regione Puglia, Antonella Laricchia che ha scelto di chiudere con Ruggiero la campagna brindisina per le elezioni regionali.

Ad aprire l’incontro pubblico di piazza Giovanni Paolo secondo ci ha pensato Ruggiero, il candidato sindaco più giovane tra quelli in lizza. Il candidato sindaco che la comunità di San Vito ha portato in Consiglio comunale 5 anni addietro.

Ruggiero ha raccontato le linee guida della rinascita che lui, in quanto portavoce delle liste del Movimento 5 Stelle ed Attiva San Vito, vuole attuare per la città.

“Questa campagna elettorale sembra una gara a chi la spara più grossa – ha detto Ruggiero dal palco -, vogliono farci sognare per prenderci in giro ancora una volta. Poi dicono che sono sempre arrabbiato, ci credo, la mia rabbia è quella delle tante famiglie che incontro da 7 anni, di tutti quei concittadini che non possono contare nemmeno sui servizi di base. Dobbiamo far ripartire la nostra San Vito riappropriandoci della nostra dignità, partendo dai servizi di base che ci hanno tolto, muovendo dal sostegno alle imprese, alle famiglie e rafforzando i Servizi sociali”.



Tanti i punti del programma partecipato redatto che sono stati sviscerati da Ruggiero.

“Creeremo uno sportello per le imprese – ha spiegato il candidato sindaco -, affinché chi a San Vito lotta quotidianamente per sopravvivere e portare in alto questa città possa intercettare i fondi statali ed europei. Daremo incentivi a chi sceglierà di vivere a San Vito e sosterremo le giovani coppie con servizi per l’infanzia. Riscriveremo il capitolato per la gestione del decoro urbano e del

verde pubblico per ripulire le nostre strade e le nostre campagne. Metteremo in rete tutte le nostre strutture ricettive per fare finalmente cultura e turismo, perché San Vito deve essere la porta del Salento. Dobbiamo far sentire la nostra voce con l’Ambito territoriale, hanno distrutto pure il servizio sanitario sanvitese”.

Subito dopo Ruggiero hanno preso la parola la candidata Laricchia e, a seguire, il ministro Di Maio che ha aperto il suo discorso di invito al voto del referendum per il taglio dei parlamentari, ringraziando Ruggiero.

La piazza gremita ha ascoltato con attenzione le parole e le proposte avanzate tanto da Ruggiero, quanto da Laricchia, e l’invito al voto responsabile lanciato dal ministro che più volte ha sottolineato come questa squadra di lavoro sia riuscita a togliere i fondi alla politica per ridistribuirli tra i cittadini.

“Io ho reagito alla malapolitica, al degrado al quale centrosinistra e centrodestra hanno relegato la nostra comunità – ha dichiarato dal palco il candidato sindaco di San Vito, Ruggiero – candidandomi, sacrificando la mia vita privata per cercare di fare il bene della mia comunità. Ora è la mia comunità che deve reagire, ora i sanvitesi devono scrollarsi di dosso il peso del voto promesso al famigliare o all’amico di turno, dobbiamo votare con coscienza. Il 20 ed il 21 settembre possiamo cambiare le nostre sorti, basta aprire gli occhi per non vedere più chi ci ha ridotti in questo stato. Le loro ‘sperimentazioni’ le andassero a fare altrove, San Vito non è la loro cavia!”.

L’incontro pubblico si è chiuso con la promessa del voto responsabile. E tra appena 7 giorni spetterà alla comunità di San Vito decidere del proprio futuro. Il cambiamento inizia nelle cabine elettorali.

Il ministro Di Maio: “Forza Marco, forza San Vito!”

Comunicato Stampa


Condividilo sui social